Quattro giorni attraverso la Toscana e l'Umbria, con qualche leggero sconfinamento in Lazio

Diario di viaggio 

 
Panorama dalla Volterranea

Panorama dalla Volterranea

Castagneto Carducci

San Galgano

Val D'Orcia

Assisi

Civita di Bagnoregio

Civita di Bagnoregio

Civita di Bagnoregio

Civita di Bagnoregio

Primo giorno
La partenza é prevista per sabato mattina, fortunatamente siamo assistiti dalle condizioni metereologiche, buone come per tutto il resto del viaggio. Africa Twin in assetto da viaggio con bauletto + borsa serbatoio che, assieme alla zavorrina, rendono la moto un po' difficile da condurre (il peso é quasi quattrocento chili in assetto di marcia ed il baricentro appena sotto il serbatoio...).
Salto a piè pari la prima parte del viaggio, puro trasferimento autostradale fino a Firenze e sulla successiva superstrada FI-PI-LI. A Pontedera decido di porre fine allo spiattellamento dei pneumatici ed imbocco la SS 439 verso Volterra.
Fino a Capannoli il percorso si mantiene pianeggiante con ampi scorci sul territorio circostante, poi la strada inizia a salire verso Volterra, che viene raggiunta da nord-ovest con una strada molto curvosa da cui si ha la possibilità di ammirare le caratteristiche balze.

Da Volterra proseguiamo per la SS 68 Volterrana, sempre piacevole e bella scendendo verso il mar Tirreno.
Dopo Ponteginori non resisto ad allungare piacevolmente il percorso attraverso la SP 18 per attraversare le colline dietro Bibbona e Cecina; la strada è molto bella, peccato per le nuvole basse e la strada ancora bagnata da un recente temporale. A Castagneto Carducci, dopo una curva, improvvisamente il cielo si sgombra e riusciamo a vedere il mar Tirreno in una bella panoramica. Dopo la foto di rito proseguiamo verso Marina di Bibbona, dove pernottiamo.

Secondo giorno
Alla mattina si parte verso l'Umbria.
A causa del ritardo sulla tabella di marcia ed a qualche problema fisico alla schiena rinunciamo al percorso tutte curve verso Serrazzano e Larderello, imbocchiamo la SS1 e a Follonica seguiamo la strada verso Siena, poco entusiasmante fino a Massa Marittima, poi molto curvosa e panoramica nel tratto fino a Monticiano, da cui facciamo una piccola deviazione verso San Galgano.
Si tratta di una vecchia chiesa parzialmente diroccata (mancano il tetto e molte parti interne), collocata in una zona pianeggiante circondata dalle colline senesi). Si narra sia stata eretta da San Galgano, un guerriero che, abbandonate le armi (in una cappella vicina è conservata la spada infilata nella roccia che, come leggenda vuole, il santo avrebbe lasciato come segno di abbandono della vita militare).
Anche se parzialmente diroccata, la chiesa mantiene comunque un certo fascino, e la visione dell'interno della chiesa, con il sole che illumina le navate ed il cielo che inonda di luce la chiesa, è molto suggestiva.

Ripartiamo dopo un breve spuntino verso la destinazione finale, Città della Pieve.
Da Monticiano in poi la strada si mantiene molto bella, in un continuo saliscendi sulle colline; incrociamo la Siena-Grosseto, ma preferiamo goderci i panorami di questi luoghi per cui entriamo in Val d'Orcia per la strada che, passando per Casciano, Vescovado e Murlo, ci porta verso la SS 2 Cassia.
Il palato turistico e paesaggistico vengono ampiamente soddisfatti, con strade panoramiche, pulite e con attraversamento di ampie zone pianeggianti, sferzate (ahimè) da un forte vento.
Imbocchiamo la SS Cassia e, dopo aver ammirato il monte Amiata, deviamo per Radicofani, bellissimo borgo arroccato sulla cima di una collina, e quindi per Città della Pieve, altro borgo medievale adagiato sul fianco della collina che merita una visita.

Terzo giorno
Dedichiamo il giorno successivo alla visita di S. Maria degli Angeli ed Assisi, che non può non colpire per la forte aria di spiritualità che pervade tutta la città, anche se l'aspetto del business turistico si fa spesso notare più del dovuto. D'obbligo una visita alla Cattedrale (superiore ed inferiore) di San Francesco, oltre ad una visita dei borghi del paese.
Dopo un trasferimento in superstrada fino a Magione, dedichiamo il pomeriggio ad un percorso panoramico attorno al lago Trasimeno fino a Castiglione del Lago. Anche in questo caso la strada si fa apprezzare per la sua bellezza e per gli scorci sul lago percorrendola ad una quota leggermente sopraelevata rispetto al lago stesso.

Il giorno dopo, non paghi delle bellezze delle terre umbre, decidiamo di effettuare un leggero sconfinamento nel Lazio, con obiettivo il lago di Bolsena. Da Città della Pieve imbocchiamo ancora la strada per San Casciano dei Bagni, qui giunti seguiamo per Treviniano e Acquapendente, che raggiungiamo attraverso una strada che dopo Treviniano segue la costa delle colline, regalando stupendi panorami sulle colline circostanti il lago di Bolsena. A Bolsena facciamo una piccola sosta per ammirare la città vecchia, che ha mantenuto il sapore di antico.

La tappa successiva è il paese di Civita di Bagnoregio.
Lo definiscono "il paese che muore" e vi assicuro che non si tratta di un eufemismo. Il paese è arroccato sulla cima di una collina che lentamente si sta sfaldando, facendo crollare i palazzi più esterni; del paese è ormai rimasto solo il nucleo centrale, con la piazza principale, la chiesa e poche case. Il paese è ovviamente abitato da pochissime persone, ed è raggiungibile solo tramite una passerella.
Nel paese si respira un'aria quasi magica; con un po' di immaginazione, eliminando qualche dettaglio moderno delle abitazioni, non è difficile ritrovarsi trasportati nel Medioevo, ancora meglio se si gustano gli scorci dei pochi stretti vicoli attorno alla piazza principale. Insomma, un luogo veramente da visitare.

Da Civita di Bagnoregio scendiamo verso Orvieto, che pur meriterebbe una visita (per il famoso Pozzo di San Patrizio e la bella cattedrale) ma che tralasciamo per mancanza di tempo. Entro sera dobbiamo raggiungere Montepulciano per trascorrere la notte.
Anche in questo caso, una visita al paese, ricco di attrattive turistiche ed enogastronomiche, è d'obbligo.

Quarto giorno
Il giorno successivo, dopo un rapido trasferimento autostradale fino ad Arezzo, ci dirigiamo verso Stia e Pratovecchio, dove dopo aver sfiorato i luoghi delle Foreste Casentinesi valichiamo gli Appennini per il passo della Calla, che presenta strade molto belle, sporche e sconnesse solo per un breve tratto dopo il valico.
Dopo la ridiscesa fino a Forlì lungo la SP 67 attraverso Santa Sofia e Civitella di Romagna, un territorio pianeggiante ci accompagna fino a casa, che raggiungiamo dopo aver percorso complessivamente 1350 km.

 

Prenotazione hotelHotel, bed and breakfast, apartment-venere.com
Destinazione:
Arrivo:
Partenza:
Persone: Camere:
Autore

Paolo "Spino"  & Helga "Celtic Woman" -- Adria (RO) -- Honda XRV750 Africa Twin "Sherpa"

Data

Estate 2005

Itinerari collegati

Faenza - Passo della Calla

Su e giù per le foreste Casentinesi

I grandi laghi dell'alto Lazio

Home page