Sasso Marconi (BO) - Montecatini Valdinievole (PT)  e ritorno

Risaliamo il Reno sulla strada della seta, ammirando l'Abetone, la piana di Montecatini e condendo il tutto con un po' di cultura.

 

 

 

ROADBOOK

In sintesi

Tour relativamente impegnativo su strade di montagna strette e tortuose. Servizi buoni tra Bologna e Ponte della Venturina e a Montecatini; scarsi per il resto del tragitto. Panoramico e naturalistico.

Lunghezza

256Km + le deviazioni.

Tempo di percorrenza indicativo

4h + le soste.

 

Poiché la strada della seta, detta Porrettana, che nasce a Ferrara e termina a Pistoia passa da Casalecchio di Reno, avrei potuto iniziare la descrizione da questo centro, servito da un'uscita autostradale. Tuttavia, il tratto di Porrettana che unisce Casalecchio con Sasso Marconi è di tale scarso interesse ed intenso traffico a qualsiasi ora del giorno e della notte, che per onestà intellettuale inizio da quest'ultimo la mia descrizione.

Dall'uscita autostradale di Sasso Marconi, se arrivate per questa via (consigliata), girate a destra verso il centro passando sul ponte sul Reno; questo vi depositerà sulla Porrettana a sud del paese. Prendete quindi a sinistra verso Pistoia. La strada prosegue fra tratti curvosi e tratti rettilinei da divorare ad alta velocità (nel rispetto del limite, s'intende). Alcuni centri abitati di interesse storico (Marzabotto) e culturale (Sasso Marconi che all'inventore del telegrafo senza fili deve il nome) passano veloci ma meriterebbero una visita; si giunge quindi a Porretta Terme, che resta tagliata fuori dai lavori di rettificazione della Porrettana. Attenzione all'autovelox che si trova spesso tra le due gallerie sotto Porretta Terme; so che è una raccomandazione inutile perché tu sei prudente, ma è meglio sapere dove sono, vero?

Dopo Porretta inizia il divertimento, con la strada che di rettilineo non ha nemmeno i paracarri; con curve strette ma ben raccordate, la Porrettana sale leggermente per qualche chilometro fino a Ponte della Venturina, che è per metà in Emilia e per metà in Toscana. Qui troviamo un semaforo dove gireremo a destra imboccando la strada per Pracchia. Sfortunatamente questa arteria è costantemente in rifacimento, e continue frane suggeriscono una guida prudente anche per via delle improvvise curve a gomito e restringimenti della carreggiata. Se non vi trovate davanti un TIR (ma spesso sono gentili e si fanno da parte per far passare i motociclisti), c'è comunque da divertirsi lungo un percorso molto tecnico che si rilassa solo dopo l'abitato di Pracchia. Velocemente, quindi, si giunge a Pontepetri, dove si gira a sinistra in direzione di Pistoia.

Una verde valle pianeggiante dove il Reno, ormai ridotto ad un torrentello, scorre placidamente, ci consente di rilassarci con una guida tranquilla sulla strada ben asfaltata. Gli appassionati micologi fiuteranno senz'altro la zona e vorranno fare due passi nei boschi invitanti. Entrando a Piastre, sulla destra troviamo la strada che ci porta a Prunetta. Se il primo istinto è quello di aprire per limare le pedane sui tornanti ben asfaltati che si arrampicano sul ripido fianco della montagna, una rapida occhiata in giro ci consiglia di adottare una guida più turistica ammirando le villette dei villeggianti della zona e gli splendidi giardini che costeggiano la strada. Breve pausa di sogno, che lascia il posto ad un tuffo nella boscaglia fitta dell'Appennino più selvaggio, dove gli alberi a tratti nascondono il cielo sopra la strada creando una suggestiva galleria verde naturale.

Giunti a Prunetta, si prende a sinistra verso Montecatini e si inizia la discesa verso la pianura. La boscaglia inizia ad aprirsi un po', vinta dall'insistere del sole che picchia sul versante sud, e dalla strada si inizia a godere lo spettacolo della piana di Montecatini che si apre sotto di noi. In fondo alla discesa, invece di puntare su Montecatini Terme, consiglio la visita a Montecatini Alta (sulle carte indicata come Montecatini Vadinievole), senz'altro più suggestiva sia dal punto di vista turistico che storico.

Il ritorno inizia con l'attraversamento di Montecatini Terme, piuttosto agevole, in verità,  seguendo le indicazioni per Pescia - Collodi. A Collodi il parco di Pinocchio gode di grande pubblicità fornita gratuitamente tramite ampia segnaletica stradale.

Lasciata Collodi, la strada diventa stretta e tortuosa come si conviene ad una seria strada di montagna; ed infatti inizia la salita verso Bagni di Lucca dove si atterra in un vorticoso susseguirsi di tornanti. Attenzione alla strada che in autunno è spesso bagnata a causa sia delle infiltrazioni d'acqua che dell'impossibilità per il sole di poterla asciugare, essendo sempre in ombra.

A Bagni di Lucca si incrocia la statale 12 dell'Abetone e del Brennero che si imbocca girando a destra verso nord (Se fra un paio d'ore vi accorgete che tutti intorno a voi parlano tedesco, provate a chiudere giusto un pelo il gas...).

Dopo una ventina di chilometri, all'uscita di una piccola galleria prima di arrivare all'abitato della Lima, un segnale indica la presenza di un ponte sospeso; lo si vede bene procedendo verso Mammiano, dove si può parcheggiare e percorrere i 50 metri fino all'imboccatura del ponte tuttora in funzione. Poiché il ponte è piuttosto stretto e lungo, attraversando tutta la valle, vale la pena attendere che un gruppo di malcapitati raggiunga il centro, poi, appena accennano a tornare indietro, i motociclisti, il più grosso in testa, iniziano la traversata... so che non lo farete, vero? All'ingresso del ponte c'è anche una fontanella di buona acqua (analcolica). Il rubinetto, però, è a un metro da terra, quindi, se ve ne servite, guardatevi le spalle (con i tempi che covvono non zi za mai...).

Proseguiamo quindi la salita verso il passo dell'Oppio a 1193m (no, non ne danno via a gratis, furbino), per poi scendere a Pontepetri da dove si è passati all'andata. Si prosegue quindi a ritroso sulla strada già percorsa seguendo le indicazioni per Bologna, attraverso Pracchia, Ponte della Venturina e quindi percorrendo la Porrettana in direzione nord fino a Sasso Marconi da dove è iniziato il giro.

Prenotazione hotelHotel, bed and breakfast, apartment-venere.com
Destinazione:
Arrivo:
Partenza:
Persone: Camere:
Autore: Marco Springhetti - www.selectrom.com Data: Settembre 2001

Itinerari collegati

Nessun itinerario al momento

Home page